Tennor

Nuovi sviluppi dopo il fallimento di Tennor Holding

Con sentenza del 21 dicembre 2021, la Corte d’appello di Amsterdam ha annullato la sentenza del Tribunale distrettuale di Amsterdam del 2 novembre 2021 che aveva dichiarato l’insolvenza e il fallimento di Tennor Holding. La Corte d’appello di Amsterdam ha ritenuto che Tennor Holding fosse riuscita a ottenere il congelamento dei procedimenti di Corvallis (circa 35,9 milioni di euro in capitale per un vecchio credito) e degli altri principali creditori: questi ultimi si sono impegnati a non far valere i propri crediti per un periodo di 6 mesi.

Anche se da H2O non è mai stata comunicata la proporzione delle obbligazioni detenute dai fondi side pocket H2O (fondi bloccati per i rimborsi dall’agosto 2020) all’interno dei 1.450 miliardi di euro di “First Super Senior Secured Notes” (FSSSN) sottoscritte nel maggio 2021 con Tennor Holding, i side pocket H2O sono probabilmente tra i principali creditori di Tennor Holding.

Ciò significa che H2O, ancora una volta e senza informare i detentori di quote di side pocket, ha rinunciato a far valere i diritti dei side pocket nei confronti di Tennor Holding, violando così gli interessi dei propri investitori. Inoltre, si deve notare che le cosiddette garanzie su cui H2O ha rilasciato un comunicato nel maggio 2021 in merito alle nuove obbligazioni di Tennor Holding che hanno sostituito (con uno sconto sostanziale) le vecchie obbligazioni detenute dai side pocket, non consentono nemmeno ai side pocket di premiare il semplice creditore che detiene obbligazioni più vecchie e con un valore almeno venti volte meno importante.

Contatta l’associazione

Association Collectif Porteurs H2O
17 rue Mesnil - 75116 PARIS

© Association Collectif Porteurs H2o. Création Ctoutcom Studio